Il Testamento di Dio

Benvenuti nel sito della Critica Testuale di Ebraico e Greco

Vai ai contenuti
Targums
 
    I Targum sono traduzioni aramaiche di certi libri o sezioni più grandi dell'AT.[1] Come regola generale, i Targum tendono ad essere più parafrasali che letterali. Devono la loro origine al tempo in cui l'ebraico cadde dall'uso comune tra il popolo ebraico in Palestina.25 Poiché l'ebreo ordinario era venuto a parlare aramaico anziché ebraico, le letture della sinagoga dovevano essere date in aramaico per essere comprese. All'inizio questo fu fatto per via orale, ma col tempo queste traduzioni vennero scritte.[2]
    Diversi Targums sono noti oggi. Il più importante di questi sono i Targums ufficiali. Targum Onqelos (anche scritto Onkelos) è il Targum ufficiale del Pentateuco. All'interno della tradizione generale del Targum, questa rappresenta una traduzione piuttosto letterale del testo ebraico. C'è una certa tendenza alla parafrasi, ma c'è anche un'indicazione della parafrasi abbreviata (cioè, parafrasi rimossa attraverso un processo di editing). Onkelos fu probabilmente scritto nel secondo secolo d.C., ma il suo testo si basa su tradizioni pre-cristiane. Potrebbe essere stato sottoposto a un processo di assemblaggio nel quarto o quinto secolo in Babilonia.[3] Ulteriori caratteristiche di Onkelos sono la rimozione di alcuni antropomorfismi, una tendenza all'idealizzazione dei patriarchi e la sostituzione di nomi arcaici con forme più moderne.[4]
    Il Targum Jonathan, come il Targum Onkelos, è un Targum ufficiale che è stato riconosciuto e accettato dal giudaismo. Come Onkelos ebbe origine in Palestina, ma fu successivamente redatto in Babilonia. È stato citato come fonte autorevole nel Talmud babilonese all'inizio del IV secolo d.C. Il Targum Jonathan contiene i libri profetici dell'Antico Testamento, entrambi i primi profeti (Giosuè, Giudici, Samuele e Re) e gli ultimi profeti (i principali profeti, meno Daniele e i profeti minori). Targum Jonathan è generalmente più parafrastico del Targum Onkelos e questa caratteristica è più pronunciata negli ultimi Profeti, specialmente nel Targum di Isaia.[5]
    La Geniza del Cairo ha fornito ulteriori informazioni su una fase precedente della produzione dei Targum. Frammenti di un Targum palestinese sono stati scoperti tra gli altri materiali nella Geniza. Questi frammenti testimoniano l'esistenza di un Targum completo del Pentateuco che un tempo era molto stimato. Il Targum palestinese potrebbe essere collegato a un Targum originale che, dopo l'attività editoriale in Babilonia, venne ufficialmente riconosciuto come Targum Onkelos.[6] Nel 1956 Alejandro D'ez Macho scoprì un testo quasi completo di un Targum palestinese del Pentateuco nel Codex Neofiti I della Biblioteca Vaticana. Questo Targum fu apparentemente copiato nel 1504. Un editio princeps di questo Targum con materiale di accompagnamento introduttivo e appendici fu pubblicato tra il 1968 e il 1979.[7]
    Altri Targum non ufficiali del Pentateuco sono Targum Pseudo-Jonathan (noto anche come Targum Yerushalmi I) e il "Targum Frammentario" (o Framment-Targum).[8] Targum Pseudo-Jonathan non deve essere confuso con Targum Jonathan per i Profeti (descritto sopra). Sia il Targum Pseudo-Jonathan che il Targum Frammentario sono considerati Targum palestinesi, ma sono transitori tra il primo Targum palestinese e i successivi Targums ufficiali ebraici. Tutti i libri nella Bibbia ebraica hanno almeno un Targum, tranne Daniele ed Ezra-Neemia. Tutti questi, tranne forse i Proverbi, sono scritti in aramaico palestinese.[9] I vari Targum dei libri degli Scritti variano molto tra loro. Ad esempio, il Targum dei Salmi è un misto di rigoroso letteralismo e estrema parafrasi. I Targum delle cinque Megillot sono estremamente parafrastici.[10]
    Il valore dei Targums per la critica testuale dell'Antico Testamento è inferiore a quanto ci si potrebbe aspettare, principalmente a causa del retroterra storico data la loro produzione in originale come parafrasi orali. Come parafrasi, mirate alla comprensione dei fedeli ebrei, hanno più valore come esempi di procedure e tendenze omiletiche (ebraiche) che come strumenti di trasmissione testuale di precisione.[11] Ciò non significa che nessun Targum possa mai aiutare nella determinazione dell'originale testo dell'Antico Testamento. Indica semplicemente il carattere generale e l'utilità generale dei Targums nello studio del testo dell'Antico Testamento (vedi tabella).[12]


[1] L'edizione critica standard dei Targums ufficiali al Pentateuco e ai Profeti sono di Alexander Sperber, The Bible in Aramaic, 4 voll. (Leiden: Brill, 1959-73).
[2] Würthwein, testo dell'Antico Testamento, 75; e Martin McNamara, "Targums", in The Interpreter's Dictionary of the Bible: Volume supplementare, ed. Keith Crim (Nashville: Abingdon, 1976), 860. Si noti che la tradizione ebraica associa gli inizi di questo processo nel dare una rappresentazione orale delle Scritture Ebraiche con il tempo di Esdra nella comunità postesilica (Ne 8: 8).
[3] Martin McNamara, Targum e Testament (Grand Rapids: Eerdmans, 1972), 173-75.
[4] Aage Bentzen, Introduzione all'Antico Testamento (Copenaghen: Gad, 1948), 1:69.
[5] McNamara, Targum e Testament, 206-7. Una nuova serie in fase di pubblicazione, "The Aramaic Bible", curata da Kevin Cathcart, Michael Maher e Martin McNamara, offre una traduzione in inglese, introduzione e note per i Targums ufficiali dell'Antico Testamento.
[6] Bleddyn J. Roberts, The Old Testament Text and Versions (Cardiff: University of Wales Press, 1951), 200.
[7] Alejandro Díez Macho (a cura di), Neophyti I: Targum Palestinese MS de la Bibliotheca Vaticana, 6 voll. (Madrid: Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 1968-79).
[8] Il Frammento-Targum non deve essere confuso con i frammenti di materiale Targum che sono stati trovati nella Geniza del Cairo. I frammenti della Geniza erano apparentemente frammenti, spesso in diversi capitoli di Targums completi sopravvissuti per caso. I Frammenti-Targum (la frase più appropriata) sono raccolte frammentarie di materiale Targum. Molto spesso queste raccolte contengono una serie di versi isolati, parti di versi o anche parole isolate. La documentazione completa può essere trovata in Michael L. Klein, The Fragment-Targums of the Pentateuch secondo The Extant Sources, 2 voll., Analecta Biblica 76 (Roma: Pontifical Biblical Institute Press, 1980).
[9] McNamara, Targum e Testament, 209.
[10] Alejandro Díez Macho (ed.), Neophyti I: Targum Palestinense MS de la Bibliotheca Vaticana, 6 vols. (Madrid: Consejo Superior de Investigaciones Científicas, 1968–79).
[11] Würthwein, Text of the Old Testament, 76.
[12] Roberts, Testo dell'Antico Testamento, 211, afferma che i Targum generalmente non forniscono alcun aiuto per scoprire la corruzione testuale nell'Antico Testamento, tranne quando è confermato dalle varianti di altre versioni.

Vari Targums non ufficiali  disponibili eccetto Daniele - Ezra-Neemia
     ... le governerà con scettro di ferro
                           ...come argilla si frantumeranno ...
© 2018 iltestamentodidio.it. Tutti i diritti riservati
Torna ai contenuti